Discussione:
La verità su Stallman
(troppo vecchio per rispondere)
Giulio Severini
2005-04-15 11:32:16 UTC
Permalink
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
--
Non lo capiscono, i grandi, che il mondo dei giovani è un mondo fragile.
E' come un paese in guerra permanente, in cui tutti vogliono avere
ragione. E nel quale veniamo spesso lasciati da soli.

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Daniele Orlandi
2005-04-15 12:00:54 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Boh... forse emana cattivi odori :)

Ciao,
--
Daniele Orlandi
Xelloss
2005-04-15 12:48:54 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Boh... forse emana cattivi odori :)
Forse?
--
Xelloss
Toshi
2005-04-15 13:15:02 UTC
Permalink
Post by Xelloss
Post by Daniele Orlandi
Boh... forse emana cattivi odori :)
Forse?
In effetti puzza quasi quanto Gates, che ha indosso la stessa camicia da
quando ha fondato microsoft.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Massimiliano Galanti
2005-04-15 13:26:13 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
a quali critiche in particolare ti riferisci? :-)
--
/*** oOOOo ***/
/* Massimiliano Galanti | <***@libero.it> */
/* vblug co-founder | ICQ: 227544335 */
/*** °OOO° ***/
Giulio Severini
2005-04-15 14:25:27 UTC
Permalink
Post by Massimiliano Galanti
Post by Giulio Severini
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
a quali critiche in particolare ti riferisci? :-)
In merito alla sua visione del software libero...di certe affermazioni che
in passato ho letto qui, e altrove, e che ora non posso linkare perchè non
ho gli indirizzi.
Volevo sapere, appunto, cosa gli criticavate visto che, leggi anche sopra,
i vostri messaggi sono piuttosto criptici a volte.
Però sento un malumore verso di lui, e volevo capire il perchè.
--
Non lo capiscono, i grandi, che il mondo dei giovani è un mondo fragile.
E' come un paese in guerra permanente, in cui tutti vogliono avere
ragione. E nel quale veniamo spesso lasciati da soli.

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Massimiliano Galanti
2005-04-15 14:50:37 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
In merito alla sua visione del software libero...di certe affermazioni che
in passato ho letto qui, e altrove, e che ora non posso linkare perchè non
ho gli indirizzi.
è fortemente politico nelle proprie prese di posizione. questo a volte,
per qualcuno, può risultare sgradevole. Nulla comunque della sua visione
politica è necessariamente ed implicitamente _passato_ alla definizione
generale di fs.
Post by Giulio Severini
Volevo sapere, appunto, cosa gli criticavate visto che, leggi anche sopra,
i vostri messaggi sono piuttosto criptici a volte.
beh gli attacchi al _personaggio_ sono solo folklore. :-)
Post by Giulio Severini
Però sento un malumore verso di lui, e volevo capire il perchè.
ah beh... guarda, la mia opinione è che stallman è un uomo, non è un dio
e non è infallibile. ha idee buone ed idee cattive. tra le buone ha il
FS. e questo mi basta quando si parla di fs. non sono d'accordo con
tutto quello che sostiene o fa, come può accadere per qualunque altro
essere umano.

alcuni sostenitori tendono ad idealizzarlo. questo presta il fianco alle
critiche dei detrattori.
--
/*** oOOOo ***/
/* Massimiliano Galanti | <***@libero.it> */
/* vblug co-founder | ICQ: 227544335 */
/*** °OOO° ***/
fedrox
2005-04-15 17:07:37 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
ovviamente perché è un americano molto insolito. a quasi tutti piace lo
stereotipo del geek genialoide che diventa ricco e spacca il culo ai
piccoli programmatori e utenti del mondo informatico e telematico.
Se non è stronzo non gasa.

--------------------------------------------------
"my name is wayne, john wayne.
john wayne bobbit."

tutta la storia degli stati uniti d'america in poche parole.
gabriele renzi
2005-04-16 10:52:19 UTC
Permalink
Post by fedrox
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
ovviamente perché è un americano molto insolito. a quasi tutti piace lo
stereotipo del geek genialoide che diventa ricco e spacca il culo ai
piccoli programmatori e utenti del mondo informatico e telematico.
Se non è stronzo non gasa.
a me pare un americano molto solito, e siccome parlare per stereotipi è
divertente, ho cercato su google "americani arroganti", ed ho trovato
questo snippet bellissimo:

"prepotenti, arroganti,violenti, esagerati, colpiscono alla cieca
facendo tanto rumore, non venendo mai a capo di niente e hanno pure
torto come quasi sempre)"[1]


Vediamo un po':
Arrogante, è indubbio.

Violento non direi, a meno di non considerare violenza alcune uscite da
abuso di potere, tipo mandare via lo sviluppatore principale di Hurd
perché aveva parlato male dell FDL (di cui praticamente tutti parlano
male).

Esagerato è indubbio.

Che colpisca alla cieca non direi, ma posso dire che è cieco di fronte a
certe situazioni, ad esempio quando venne a fare il suo discorsetto a
roma, la sapienza, un anno e mezzo fa' credo, si scoprì che non aveva
mai sentito parlare di ECDL, che era forse il più grosso problema del FS
insieme ai brevetti.

Che non venga mai a capo di niente.. Beh praticamente nessuno dice
GNU/Linux anche se lui insiste da anni. Ed ovviamente, allo stato
attuale, in ogni distribuzione in SW GNU è una parte minima, quindi ha
pure torto.

Insomma, un americano modello.



[1] dai commenti qui:
http://attivissimo.blogspot.com/2004/10/ixt-aggiornamento-su-indymedia.html
Sensei
2005-04-16 15:32:46 UTC
Permalink
Post by gabriele renzi
a me pare un americano molto solito, e siccome parlare per stereotipi è
divertente, ho cercato su google "americani arroganti", ed ho trovato
Si, è un americano tipo, se se ne può trovare uno insomma. Qui sono
talmente ``liberi'' di far quanto gli pare, che hanno varie sindromi,
tra cui quella della cospirazione... e stallman non è da meno. Lui è il
tipico americano-contro.
Post by gabriele renzi
"prepotenti, arroganti,violenti, esagerati, colpiscono alla cieca
facendo tanto rumore, non venendo mai a capo di niente e hanno pure
torto come quasi sempre)"[1]
LOL... ma da dove cazzo l'hai tirata fuori??!? :) Attivissimo... mah!

Forse è meglio non sapere invece il contrario... ovvero lo stereotipo
italiano qui...
Post by gabriele renzi
Arrogante, è indubbio.
Senza dubbio.
Post by gabriele renzi
Violento non direi, a meno di non considerare violenza alcune uscite da
abuso di potere, tipo mandare via lo sviluppatore principale di Hurd
perché aveva parlato male dell FDL (di cui praticamente tutti parlano
male).
Bah, non mi interessano le guerre di religione.
Post by gabriele renzi
Esagerato è indubbio.
Ma ricorda che se fosse stato texano... allora si delle belle! :)
Post by gabriele renzi
Che colpisca alla cieca non direi, ma posso dire che è cieco di fronte a
certe situazioni, ad esempio quando venne a fare il suo discorsetto a
roma, la sapienza, un anno e mezzo fa' credo, si scoprì che non aveva
mai sentito parlare di ECDL, che era forse il più grosso problema del FS
insieme ai brevetti.
La ECDL!! E' na tragedia, è triste ``che più triste non si può!'' ---
avrò infranto un trade mark?
Post by gabriele renzi
Che non venga mai a capo di niente.. Beh praticamente nessuno dice
GNU/Linux anche se lui insiste da anni. Ed ovviamente, allo stato
attuale, in ogni distribuzione in SW GNU è una parte minima, quindi ha
pure torto.
E' che tira acqua al suo mulino... se invece fosse un po' più pragmatico
e avesse fatto lavorare su hurd...
Post by gabriele renzi
Insomma, un americano modello.
Beh... almeno il gusto per vestire è quello...
--
Sensei <mailto:***@tin.it> <pgp:8998A2DB>
<icqnum:241572242>
<yahoo!:sensei_sen>
<msn-id:***@hotmail.com>
damiano biagioli
2005-04-15 18:38:11 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
non si direbbe ...
voglio dire , stallman ha un blog,
http://www.fsf.org/blogs/SimpleBlogCatSearch?category=RMS
ha un sito personale ,
http://www.stallman.org/
ha pubblicato un ' autobiografia
http://www.apogeonline.com/ebooks/2003/90045/CodiceLibero/

e tu fai una domanda del genere in it.comp.os.dibattiti ?
Giulio Severini
2005-04-15 18:47:39 UTC
Permalink
Ciao Damiano.
Se cercassi risposte parziali ovvio che mi limiterei alle risorse da te
citate.
Io voglio informazione imparziale.
--
Non lo capiscono, i grandi, che il mondo dei giovani è un mondo fragile.
E' come un paese in guerra permanente, in cui tutti vogliono avere
ragione. E nel quale veniamo spesso lasciati da soli.

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Arcimboldo
2005-04-15 19:06:56 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Ciao Damiano.
Se cercassi risposte parziali ovvio che mi limiterei alle risorse da te
citate.
Io voglio informazione imparziale.
E secondo te qualcuno qua sapra' darti una risposta imparziale? :-)

.a.
--
Il mattino ha l'oro in bocca. Il MATTino ha l'OrO In bOcca.
i lma tt ino ha l'o roin bocc a.ilmattinohal'oroinbocca. il ma tt in
oh al' or oi nb oc ca. il matti noha l'oroinbocca. IL MATtiNO Ha l'ORO
InBOCCa. I l m a t t i n o h a l' o r o i n b o c c a . ilmattinohal'oroin
BoCcA. iLmAtTiNoHaL'oRoInBoCcA.
Vincent Vega
2005-04-15 19:17:58 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è?
Loading Image...
Raffaele Castagno
2005-04-15 21:45:49 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
Diciamo che è un estremista del Free software... Alcuni lo definiscono
"GNUlebano"...

Raffaele
gabriele renzi
2005-04-15 23:53:35 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
IMVHO, perché:
- è un estremista
- è un arrogante
- altri personaggi nel mondo del software libero/open source sono più
gradevoli, e quindi lui risalta negativamente
- alcuni sostengono faccia effettivamente schifo (sia caratterialmente
che fisicamente) dal vivo, ma non posso confermare e nemmeno mi sembra
rilevante

Inoltre, credo che allo stato attuale sia una specie di santino sul
cruscotto della comunità, più che un membro effettivo (essendo, AFAIK,
fuori da qualsiasi progetto reale da molto tempo).

Tutto, senza nulla togliere alle cose importanti che ha fatto, solo
supposizioni sulla frequenza di punzecchiature.
Bungabonga
2005-04-16 01:55:35 UTC
Permalink
Post by gabriele renzi
alcuni sostengono faccia effettivamente schifo (sia caratterialmente
che fisicamente) dal vivo, ma non posso confermare e nemmeno mi sembra
rilevante
ROTFL!

:)
Sensei
2005-04-16 02:53:27 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
E' il creatore di Emacs, presentato nei primi anni 80 al congresso ACM
Symposium on Text Manipulation (c'è il pdf online, ma non è gratutio a
meno di essere iscritti... a chi interessa lo posso dare comunque...).
Ha qualche articolo su ACM Comunications (non posso vedere ora su IEEE)
Fondatore del progetto GNU.

Leggi cosa dice il progetto gnu, e vedrai che è un po' troppo estremo
(per me).
--
Sensei <mailto:***@tin.it> <pgp:8998A2DB>
<icqnum:241572242>
<yahoo!:sensei_sen>
<msn-id:***@hotmail.com>
Raffaele Castagno
2005-04-16 12:53:02 UTC
Permalink
Post by Sensei
E' il creatore di Emacs, presentato nei primi anni 80 al congresso ACM
Emacs, gran pezzo di software...sto imparando pian piano ad usarlo, ed è
fantastico!!

RSM può essere arrogante, estremista, etc etc, ma ha sicuramente dato
molto al freesoftware (oltre che averlo "inventato").

Ciao!

Raffaele
Sensei
2005-04-17 20:39:53 UTC
Permalink
Post by Raffaele Castagno
Emacs, gran pezzo di software...sto imparando pian piano ad usarlo, ed è
fantastico!!
RSM può essere arrogante, estremista, etc etc, ma ha sicuramente dato
molto al freesoftware (oltre che averlo "inventato").
Scordavo... è suo il nome più famoso per unix: POSIX.
--
Sensei <mailto:***@tin.it> <pgp:8998A2DB>

The difference between stupidity and genius is that genius has its limits.
Albert Einstein
Raffaele Castagno
2005-04-19 14:45:08 UTC
Permalink
Post by Sensei
Scordavo... è suo il nome più famoso per unix: POSIX.
Appunto...come dicevo, per quello che ha fatto in passato per il free
software, imho gli si possono perdonare le strampalatezze e gli eccessi
che lo caratterizzano...

Raffaele
--
Raffaele Castagno

Mail me if you want a GMAIL account.

Not only bad news: http://www.goodnewsiraq.com
Iraq Linux User Group : http://www.iraqilinux.org
Strategic Blog: http://strategic-game.blogspot.com/
Strategic Sourceforge Homepage: http://strategic.sourceforge.net/
Strategic Sourceforge Project: http://sourceforge.net/projects/strategic/

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
fedrox
2005-04-19 18:37:21 UTC
Permalink
Post by Raffaele Castagno
Post by Sensei
Scordavo... è suo il nome più famoso per unix: POSIX.
Appunto...come dicevo, per quello che ha fatto in passato per il free
software, imho gli si possono perdonare le strampalatezze e gli eccessi
che lo caratterizzano...
Raffaele
ma perché sarebbe strampalato? perché ha i capelli lunghi?
ma chi vi ha donato il senso morale, zio paperone?

--------------------------------------------------
my name is wayne, john wayne.
john wayne bobbit.

tutta la storia degli stati uniti d'america in poche parole.
akbg
2005-04-19 20:45:48 UTC
Permalink
Post by fedrox
ma perché sarebbe strampalato? perché ha i capelli lunghi?
ma chi vi ha donato il senso morale, zio paperone?
Licenziare un dipendente perchè ha espresso il suo parere contrario su
una licenza che dovrebbe garantire la libertà del materiale sotto essa
esposto, negando la libertà d'opinione, è un comportamento altamente
bizarro e incoerente, a mio avviso.

ciao
--
Dont | _ _
understimate | __ _ _ _| |_ __ _ _ _ (_)
the power | / _` | ' \ _/ _` | ' \| |
of... | \__,_|_||_\__\__,_|_||_|_|
GdG
2005-04-19 22:03:30 UTC
Permalink
Post by akbg
Post by fedrox
ma perché sarebbe strampalato? perché ha i capelli lunghi?
ma chi vi ha donato il senso morale, zio paperone?
Licenziare un dipendente perchè ha espresso il suo parere contrario su
una licenza che dovrebbe garantire la libertà del materiale sotto essa
esposto, negando la libertà d'opinione, è un comportamento altamente
bizarro e incoerente, a mio avviso.
Stallman (che sempre sia benedetto il suo nome) lo fa per il suo bene.
Chi siamo noi per criticare Stallman?
Mazinga
2005-04-27 13:08:09 UTC
Permalink
Post by akbg
Licenziare un dipendente perchè ha espresso il suo parere contrario su
una licenza che dovrebbe garantire la libertà del materiale sotto essa
esposto, negando la libertà d'opinione, è un comportamento altamente
bizarro e incoerente, a mio avviso.
Io sapevo che prima era un ricercatore del MIT, poi fondo' la FSF e poi
divenne membro onorario onorario dell'Accademia delle Scienze Americane
(non so' bene come si dica in inglese).
Come ha fatto a licenziare un dipendente??

X favore mi posti un link dove posso leggere questo??


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
gabriele renzi
2005-04-27 13:23:39 UTC
Permalink
Post by Mazinga
Post by akbg
Licenziare un dipendente perchè ha espresso il suo parere contrario su
una licenza che dovrebbe garantire la libertà del materiale sotto essa
esposto, negando la libertà d'opinione, è un comportamento altamente
bizarro e incoerente, a mio avviso.
Io sapevo che prima era un ricercatore del MIT, poi fondo' la FSF e poi
divenne membro onorario onorario dell'Accademia delle Scienze Americane
(non so' bene come si dica in inglese).
Come ha fatto a licenziare un dipendente??
perché è a capo della free software foundation
Post by Mazinga
X favore mi posti un link dove posso leggere questo??
http://lists.softwarelibero.it/pipermail/discussioni/2003-November/008465.html
Ottovolante
2005-04-27 13:59:41 UTC
Permalink
Post by akbg
Post by fedrox
ma perché sarebbe strampalato? perché ha i capelli lunghi?
ma chi vi ha donato il senso morale, zio paperone?
Licenziare un dipendente perchè ha espresso il suo parere contrario su
una licenza che dovrebbe garantire la libertà del materiale sotto essa
esposto, negando la libertà d'opinione, è un comportamento altamente
bizarro e incoerente, a mio avviso.
Diciamo che ha idee libertarie sul software, ma ha anche una forte
propensione ad essere autoritario e dittatore:

- secondo lui i software dovrebbero essere sviluppati da una stretta
cerchia di addetti facendo quello che dice il capo, cioe' lui. Infatti
quando hanno forkato il suo beneamato Emacs, creando parallelamente
X-Emacs, lui s'e' messo a piangere e picchiare i piedi per terra, e non
ha ancora smesso.
Tra l'altro seguendo il suo modello di sviluppo linux non sarebbe mai
esistito...

- come si e' visto da questo licenziamento, non solo pretende di
comandare sullo sviluppo dei programmi della fsf e sulle posizioni
"politiche" ufficiali della fsf, ma pretende anche che i volontari della
fsf quando aprono bocca dicano solamente cose che coincidono con la
suddetta posizione ufficiale, decisa da lui. In questo modo nega la
liberta' di opinione ai volontari della fsf. E' semplicemente ridicolo.

Il fatto che RMS abbia avuto delle buone idee sul software libero non
significa che possa fare e dire qualunque cretinata senza essere criticato.

La FSF ha giocato un ruolo chiave nella diffusione del software libero e
soprattutto in un primo momento ne ha fatto da catalizzatore, ma dal
punto di vista complessivo, nel panorama del volontariato open source, i
suoi contributi sono infinitesimi.
fedrox
2005-04-20 11:47:19 UTC
Permalink
Post by Sensei
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
E' il creatore di Emacs, presentato nei primi anni 80 al congresso ACM
Symposium on Text Manipulation (c'è il pdf online, ma non è gratutio a
meno di essere iscritti... a chi interessa lo posso dare comunque...).
Ha qualche articolo su ACM Comunications (non posso vedere ora su IEEE)
Fondatore del progetto GNU.
Leggi cosa dice il progetto gnu, e vedrai che è un po' troppo estremo
(per me).
aggiungiamo qualche piccola nota:

Who Am I?

I am Richard Stallman, inventor of the original much-imitated EMACS
editor, now at the Artificial Intelligence Lab at MIT. I have worked
extensively on compilers, editors, debuggers, command interpreters, the
Incompatible Timesharing System and the Lisp Machine operating system.
I pioneered terminal-independent display support in ITS. In addition I
have implemented one crashproof file system and two window systems for
Lisp machines.

http://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.html
--
--------------------------------------------------
my name is wayne, john wayne.
john wayne bobbit.

tutta la storia degli stati uniti d'america in poche parole.
fedrox
2005-04-20 11:45:13 UTC
Permalink
Post by Sensei
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
E' il creatore di Emacs, presentato nei primi anni 80 al congresso ACM
Symposium on Text Manipulation (c'è il pdf online, ma non è gratutio a
meno di essere iscritti... a chi interessa lo posso dare comunque...).
Ha qualche articolo su ACM Comunications (non posso vedere ora su IEEE)
Fondatore del progetto GNU.
Leggi cosa dice il progetto gnu, e vedrai che è un po' troppo estremo
(per me).
aggiungiamo qualche piccola nota:

Who Am I?

I am Richard Stallman, inventor of the original much-imitated EMACS
editor, now at the Artificial Intelligence Lab at MIT. I have worked
extensively on compilers, editors, debuggers, command interpreters, the
Incompatible Timesharing System and the Lisp Machine operating system.
I pioneered terminal-independent display support in ITS. In addition I
have implemented one crashproof file system and two window systems for
Lisp machines.

http://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.html
--
--------------------------------------------------
my name is wayne, john wayne.
john wayne bobbit.

tutta la storia degli stati uniti d'america in poche parole.
Mazinga
2005-04-26 20:50:06 UTC
Permalink
Post by Giulio Severini
Qual'è? Perchè sento spesso frecciatine verso di lui? Non è, forse,
l'autore del compilatore GNU, e il fautore del software libero?
Perchè si tende a criticarlo sempre di più?
Scusate le molte domande, ma sono veramente in cerca di risposte.
Grazie.
Richard Stallman e' un carattere introverso, apparentemente strampalato,
ma che ha una sua logica ben precisa: x lui sviluppare software deve
essere una passione e deve essere permesso a tutti di farlo anche x
semplice passione.

A lui non piace il "business" del software, ossia che le industrie
cerchino sempre una maniera x privare la gente comune di sviluppare e
diffondere qualcosa; concetti come copyright e brevetti x lui non
dovrebbero esistere.

All'apparenza sembra una visione egoista (x un programmatore d'oggi che
vuole avere il diritto di campare producendo software) ma sarebbe
superficiale limitarsi a dire cosi' senza andare oltre.

Lui sarebbe + contento se:
- le universita' facessero innovazione e produzione di software;
- gli hobbisti, le comunita' e alcuni addetti del governo producessero
software libero (e non solo gratis);
- se non esistesse il programmatore che conosciamo oggi (tu gli ordini di
fare un programma e lui te ne fa uno dall'inizio alla fine) ma un
personaggio che prende dalla rete tutto cio' che vuole, lo monta, lo
riadatta x lo scopo, e poi lo vende al consumatore.

Certo, un mercato cosi' (imho) farebbe diventare il programmatore un
venditore di hardware e un assemblatore software.

Questo, per il programmatore d'oggi, avrebbe generato meno introiti e gli
avrebbe aumentato la concorrenza; tuttavia, avrebbe aumentato il numero di
lavoratori e generato una localizzazione del lavoro sul territorio +
uniforme, con conseguente vantaggio anche per la sua regione.

Il consumatore avrebbe poi un doppio vantaggio in un mondo come questo
(open-source): potrebbe ricevere assistenza a pochi passi dalla propria
sede e potrebbe passare da un programmatore (o una ditta) all'altro; al
giorno d'oggi le ditte acquistano software closed-source, negandosi questo
vantaggio. In caso di software non indispensabili (o facilmente
rimpiazzabili) il problema non sussiste, ma quando si implementano in
un'azienda prodotti software importanti di software house che dopo anni
non hanno piu' interesse nel continuarne lo sviluppo (o semplicemente
falliscono), quel software diventa un'arma a doppio taglio.

Allo stato attuale si produce software (in gran parte closed-source)
qualitativamente superiore ma lasciando scontento l'acquirente che spesso
deve comprare software:
- volutamente obsoleto in nome degli upgrade a pagamento;
- proveniente quasi mai dal tizio sotto casa ma da una mega ditta in
america.
- con l'ambiguita' del "cosa succedera' quando la software-house non mi
dara' piu' il supporto per questo prodotto?".

Dato che ai tempi dei tempi gli Stati avevano agevolato tranquillamente le
richieste del business del software (col modello capitalista, accettando i
copyright e i brevetti) e dato che a quei tempi:

- avevano cominciato a sfornare troppi studenti universitari di
informatica;
- non c'era l'internet che conosciamo oggi;
- non c'era la diffusione dei computer d'oggi...

questa fu la soluzione storica (ma anche logica) migliore.

Se avessero implementato un modello comunista (il famoso slogan: "il
sapere umano appartiene al popolo") e avessero detto che il software non
avrebbe mai potuto essere oggetto di copyright, non e' detto che oggi
saremo arrivati con le apparecchiature d'oggi, proprio xche' lo stato non
puo' accollarsi troppe spese in ricerca, quindi ha dovuto implementare il
concetto di copyright sul software (e purtroppo il concetto di brevetti
software, anche se quest'ultima imho se la poteva risparmiare...).

Oggi come oggi abbiamo cellulari, laptop, satelliti e via discorrendo. Se
si fosse applicata la filosofia di Stallman (quindi qualcosa come il
modello comunista che ho accennato prima) probabilmente tutti questi
prodotti sarebbero ancora in fase di sviluppo (magari presso la NASA...) e
quindi alla fine la soluzione + logica fu (e ormai "e'") quella del
copyright.

A quel punto Stallman comincio' a non ricevere + tutto il codice che gli
interessava (mi ricordo un driver per una delle prime stampanti);
ricevette minacce legali x parti di codice presente nel suo emacs, e
comincio' a rendersi conto che doveva fare attenzione a quello che
implementava (ricordo che si lamentava di aver ricevuto un programma di
compressione che non pote' mai usare perche' violava un brevetto).

Decise a questo punto di tutelarsi a suo volta con l'arma del copyright,
creando una licenza d'uso del software senza scopi di lucro, "virale",
ossia che permettesse al richiedente di fare tutte le trasformazioni e
migliorie di codice che voleva, a condizione che le avrebbe dovute ridare
alla comunita', cosicche' si rimettessero in gioco le regole degli anni
70-80 sul software: "io creo un codice e se ti serve te lo passo. Tu un
giorno mi passerai qualcosa che mi servira' e non avro' voglia di
riscrivermi. Chi dei 2 fa il codice migliore, non paga da bere...".

P.S.: ho usato i termini "capitalista" e "comunista" in modo un po'
improprio; nella realta' sono io il primo a dire che in informatica questi
termini non esistono...


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Mazinga
2005-04-27 09:21:36 UTC
Permalink
Volevo solo fare delle rettifiche x degli errori grammaticali (alcuni
trascurabili...), oltre a dire (nel qualcaso qualche rivista fosse
interessata a questo pezzo) che rilascio il testo del mio post precedente
(la risposta di Mazinga a Giulio Severini) e di questo sotto licenza:
Creative Commons Attribuzione License Italia.

http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/it/

X contattarmi, usare la mia e-mail (sostituendo NOME con mazinga).
Post by Mazinga
riadatta x lo scopo, e poi lo vende al consumatore.
riadatta allo scopo, e poi lo vende al consumatore.
Post by Mazinga
saremo arrivati con le apparecchiature d'oggi, proprio xche' lo stato non
"saremmo arrivati" (o "saremmo potuti arrivare")
Post by Mazinga
modello comunista che ho accennato prima) probabilmente tutti questi
modello comunista accennato prima) probabilmente tutti questi
Post by Mazinga
A quel punto Stallman comincio' a non ricevere + tutto il codice che gli
A un certo punto Stallman comincio' a non ricevere + tutto il codice che
gli
Post by Mazinga
compressione che non pote' mai usare perche' violava un brevetto).
compressione, per il suo progetto GNU, che non pote' mai usare perche'
violava un brevetto).


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Ottovolante
2005-04-27 11:55:24 UTC
Permalink
Post by Mazinga
Volevo solo fare delle rettifiche x degli errori grammaticali (alcuni
trascurabili...), oltre a dire (nel qualcaso qualche rivista fosse
interessata a questo pezzo) che rilascio il testo del mio post precedente
Creative Commons Attribuzione License Italia.
http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/it/
MA
LOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Rilasci i post sotto licenza? Ma cos'hai bevuto? :D
Mazinga
2005-04-27 12:30:13 UTC
Permalink
Post by Ottovolante
Rilasci i post sotto licenza? Ma cos'hai bevuto? :D
Era solo 1 proforma x dire che chiunque puo' scopiazzarla senza stare
tutte le volte a scrivermi per chiedermelo.

Scusa ma hai mai sentito parlare di Creative Commons?

E poi Punto Informatico (x citarne 1) usa questa licenza per i suoi
articoli, cosa c'e' di male se la uso anch'io?


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Ottovolante
2005-04-27 13:42:20 UTC
Permalink
Post by Mazinga
Era solo 1 proforma x dire che chiunque puo' scopiazzarla senza stare
tutte le volte a scrivermi per chiedermelo.
Scusa ma hai mai sentito parlare di Creative Commons?
Si'.
Post by Mazinga
E poi Punto Informatico (x citarne 1) usa questa licenza per i suoi
articoli, cosa c'e' di male se la uso anch'io?
Fa' come vuoi, ma rilasciar epersino i post sotto licenza mi sembra
eccessivo...
Vincent Vega
2005-04-27 20:02:15 UTC
Permalink
Post by Mazinga
Era solo 1 proforma x dire che chiunque puo' scopiazzarla senza stare
tutte le volte a scrivermi per chiedermelo.
Scusa ma hai mai sentito parlare di Creative Commons?
E poi Punto Informatico (x citarne 1) usa questa licenza per i suoi
articoli, cosa c'e' di male se la uso anch'io?
Ci vuole una bella dose di perversione per farsi venire in mente il
copyright (o copyleft) delle chiacchere. Già ti immagino al bar mentre
avverti gli amici che i tuoi discorsi sul calcio sono coperti dalla
licenza CC...
Daniele Orlandi
2005-04-27 21:29:31 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Ci vuole una bella dose di perversione per farsi venire in mente il
copyright (o copyleft) delle chiacchere. Già ti immagino al bar mentre
avverti gli amici che i tuoi discorsi sul calcio sono coperti dalla
licenza CC...
Il fatto, vedi, è che qualunque opera dell'ingegno è coperta da copyright e
se non dici nulla, semplicemente non la puoi copiare.

Se hai fatto un post molto lungo e che pensi abbia un valore, puoi a priori
fornire dei diritti a chiunque ne possa voler usufruire, non ci vedo nulla
di strano.
--
Daniele Orlandi
Vincent Vega
2005-04-28 12:57:42 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Il fatto, vedi, è che qualunque opera dell'ingegno è coperta da copyright e
se non dici nulla, semplicemente non la puoi copiare.
Se hai fatto un post molto lungo e che pensi abbia un valore, puoi a priori
fornire dei diritti a chiunque ne possa voler usufruire, non ci vedo nulla
di strano.
Esprimere un pensiero non significa fare automaticamente un "opera di
ingegno" tutelabile dal diritto di autore. Per essere tale non è
sufficiente destare più o meno interesse nei contenuti ma deve essere di
carattere creativo. E se non è creativo nessuno lo copia, per cui è un
problema che si risolve da solo. Se vogliamo assimilare i post su icod a
degli articoli tecnici, il fatto che siano più o meno interessanti conta
relativamente in quanto i contenuti non incidono sull'aspetto creativo
dell'"opera". Tanto per essere chiari non è violazione di copyright se
un'altra persona scrive un articolo di suo pugno ed esprime delle
considerazioni perfettamente identiche alle tue.
Se uno scrive un bell'articolo degno di essere pubblicato allora ha
senso (ma non ha senso averlo scritto quì) ma se uno pensa di avere il
copyright sulla propria opinione allora casca male.

Inoltre: la "licenza" a cui fa riferimento non è esattamente "fornire
dei diritti a chiunque ne possa voler usufruire" (cfr
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/) anzi pone dei precisi
divieti sull'utilizzo commerciale e gli eventuali lavori derivati.
Daniele Orlandi
2005-04-28 13:18:16 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Esprimere un pensiero non significa fare automaticamente un "opera di
ingegno" tutelabile dal diritto di autore. Per essere tale non è
sufficiente destare più o meno interesse nei contenuti ma deve essere di
carattere creativo.
Cosa c'è di più creativo che tradurre in lettere il proprio pensiero?
Post by Vincent Vega
Tanto per essere chiari non è violazione di copyright se
un'altra persona scrive un articolo di suo pugno ed esprime delle
considerazioni perfettamente identiche alle tue.
Ovviamente... ma se qualcuno volesse COPIARE il tuo post per farci un
articolo, avrebbe bisogno di un'autorizzazione.
Post by Vincent Vega
Se uno scrive un bell'articolo degno di essere pubblicato allora ha
senso (ma non ha senso averlo scritto quì) ma se uno pensa di avere il
copyright sulla propria opinione allora casca male.
Non mi pare che volesse avere il copyright sull'opinione. Ha scritto un post
piuttosto lungo e ha aggiunto che se qualcuno vuole utilizzarlo può, con
determinata licenza.
Post by Vincent Vega
Inoltre: la "licenza" a cui fa riferimento non è esattamente "fornire
dei diritti a chiunque ne possa voler usufruire"
Visto che il default è "Non ci fai nulla", qualunque licenza può solo
permetterti di fare qualcosa in più del nulla.
--
Daniele Orlandi
Vincent Vega
2005-04-28 14:41:56 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by Vincent Vega
Esprimere un pensiero non significa fare automaticamente un "opera di
ingegno" tutelabile dal diritto di autore. Per essere tale non è
sufficiente destare più o meno interesse nei contenuti ma deve essere di
carattere creativo.
Cosa c'è di più creativo che tradurre in lettere il proprio pensiero?
Scrivere la lista della spesa e scrivere una poesia sono anch'esse
traduzioni in lettere del proprio pensiero. Possibile che non trovi
risposta alla tua domanda?
Post by Daniele Orlandi
Post by Vincent Vega
Tanto per essere chiari non è violazione di copyright se
un'altra persona scrive un articolo di suo pugno ed esprime delle
considerazioni perfettamente identiche alle tue.
Ovviamente... ma se qualcuno volesse COPIARE il tuo post per farci un
articolo, avrebbe bisogno di un'autorizzazione.
Certo, ma allora devi aver scritto qualcosa che non è solo interessante,
ma che vale anche la pena di copiare. E' diverso.
Post by Daniele Orlandi
Non mi pare che volesse avere il copyright sull'opinione. Ha scritto un post
piuttosto lungo e ha aggiunto che se qualcuno vuole utilizzarlo può, con
determinata licenza.
Non ho mai detto che non lo possa fare, per carità, per me può anche
applicare la licenza anche sulle lettere alla fidanzata. Dico che è
perverso farsi venire in mente una cosa del genere.
Mazinga
2005-04-28 14:56:46 UTC
Permalink
Non ho mai detto che non lo possa fare, per carità , per me può anche
applicare la licenza anche sulle lettere alla fidanzata. Dico che è
perverso farsi venire in mente una cosa del genere.
Pronto...

|| ci sei?? ||

= ce la fai?? =

// sei connesso?? //

1. TU hai volutamente cambiato il link della licenza x farmi fare una
figuraccia; io ho usato la Attribuzione mentre tu la
Niente-Questo,Niente-quello... (tra l'altro e' una licenza che mi sta'
sulle balle anche a me);

2. Io non ho mai trovato in giro qualcosa di Stallman sufficientemente
esauriente da spiegare il suo punto di vista e il perche'; se qualche
rivista tipo Linux Magazine, Linux & Co, Linux PRO e qualsiasi altra
avesse bisogno di riempire un trafiletto con qualcosa, semplicemente gli
lascio tutti i diritti di farlo SENZA NEPPURE IL BISOGNO che mi
consultino... Se vogliono posso anche modificarselo e crearci opere
derivate.

Come ha ripetuto piu' volte Daniele (e lo ringrazio di questo) se non
avessi scritto questo e fra 5-6 anni qualcuno interessato (magari a
Stallman) a diffondere quel post, legalmente non lo avrebbe potuto fare o
lo avrebbe fatto a suo rischio e pericolo (che ne sa' che io poi non ci
voglia marciare sopra i suoi guadagni...).

Naturalmente non mi frega niente se qualcuno sfrutta quel pezzo x farci un
libro o lo vuole raccontare al compagno di lavoro; l'unica cosa che tenevo
a precisare era il caso del copia/incolla con sabotaggio.


Ripeto che IO ho usato questa:
http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/it/

Mentre TU hai usato questa:
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/


A 'sto punto se mi sputavi in faccia mi danneggiavi di meno.


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Vincent Vega
2005-04-28 15:29:23 UTC
Permalink
Post by Mazinga
1. TU hai volutamente cambiato il link della licenza x farmi fare una
figuraccia; io ho usato la Attribuzione mentre tu la
Niente-Questo,Niente-quello... (tra l'altro e' una licenza che mi sta'
sulle balle anche a me);
Calmati, calmati.
Non l'ho fatto volutamente, se ti interessa la spiegazione è che ho
seguito il riferimento che hai fatto degli articoli di Punto Informatico.
Visto che era un messaggio coperto da licenza CC, basta come spiegazione
per evitare la denuncia per "copia/incolla con sabotaggio"? <g>
Post by Mazinga
2. Io non ho mai trovato in giro qualcosa di Stallman sufficientemente
esauriente da spiegare il suo punto di vista e il perche';
Non per essere pignolo, ma te il suo punto di vista come l'hai saputo se
non l'hai letto da nessuna parte? Se hai un'intervista esclusiva allora
dillo che cambia tutto! :-)

E poi lasciatelo dire (senza offesa) come articolo farebbe abbastanza
schifetto, ma se vuoi altri pareri mandalo pure in conto visione a una
delle riviste che hai citato.
Post by Mazinga
A 'sto punto se mi sputavi in faccia mi danneggiavi di meno.
Ti ho già detto che trovo il tuo atteggiamento un pochino paranoico?
Mazinga
2005-04-28 15:55:35 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Non l'ho fatto volutamente, se ti interessa la spiegazione è che ho
seguito il riferimento che hai fatto degli articoli di Punto Informatico.
Quali riferimenti??? Io non ho lasciato nessun riferimento! Ho solo detto
che Punto-Informatico usa le licenze della Creative Commons; quella che ho
usato io non la voglio postare x la terza volta...
Post by Vincent Vega
Visto che era un messaggio coperto da licenza CC, basta come spiegazione
per evitare la denuncia per "copia/incolla con sabotaggio"?
IMVHO No. Ma io non volevo porre restrizioni, anzi: volevo chiarire fin da
subito che la mia posizione e' e restera' di permessi e permessi.
Post by Vincent Vega
Post by Mazinga
2. Io non ho mai trovato in giro qualcosa di Stallman sufficientemente
esauriente da spiegare il suo punto di vista e il perche';
Non per essere pignolo, ma te il suo punto di vista come l'hai saputo se
non l'hai letto da nessuna parte? Se hai un'intervista esclusiva allora
dillo che cambia tutto! :-)
Io e' da anni che leggo vari libri, notizie su Internet e post su Internet
al riguardo, e ho riportato quello che ho letto oltre all'idea che mi son
fatto (naturalmente non pari pari ma l'ho riassunto).
Post by Vincent Vega
E poi lasciatelo dire (senza offesa) come articolo farebbe abbastanza
schifetto, ma se vuoi altri pareri mandalo pure in conto visione a una
delle riviste che hai citato.
Non me ne puo' fregar di - di quello che pensa un programmatore/sistemista
windows su Stallman e quello che scrivo io ("senza offesa"! Tanto questa
frase salva sempre...).

Se da qualche parte leggero' cagate tue non staro' di certo a commentarle
col tono e la leggerezza tua, xche' io sono del parare di "vivi e lascia
vivere"...
Post by Vincent Vega
Ti ho già detto che trovo il tuo atteggiamento un pochino paranoico?
Si', ma come ho detto prima "vivi e lascia vivere...".
Il discorso che tiri tanto x le lunghe non doveva neanche cominciare
imho...


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Vincent Vega
2005-04-28 19:24:46 UTC
Permalink
Post by Mazinga
Post by Vincent Vega
Non l'ho fatto volutamente, se ti interessa la spiegazione è che ho
seguito il riferimento che hai fatto degli articoli di Punto Informatico.
Quali riferimenti??? Io non ho lasciato nessun riferimento! Ho solo detto
che Punto-Informatico usa le licenze della Creative Commons; quella che ho
usato io non la voglio postare x la terza volta...
E che palle! Ti ho detto che ho capito male, ma lo sai che sei la
paranoia fatta persona? :-)
Post by Mazinga
Post by Vincent Vega
Visto che era un messaggio coperto da licenza CC, basta come spiegazione
per evitare la denuncia per "copia/incolla con sabotaggio"?
IMVHO No. Ma io non volevo porre restrizioni, anzi: volevo chiarire fin da
subito che la mia posizione e' e restera' di permessi e permessi.
Stavo scherzando, e mi tocca pure dirtelo sennò mi prendi sul serio...
Post by Mazinga
Post by Vincent Vega
E poi lasciatelo dire (senza offesa) come articolo farebbe abbastanza
schifetto, ma se vuoi altri pareri mandalo pure in conto visione a una
delle riviste che hai citato.
Non me ne puo' fregar di - di quello che pensa un programmatore/sistemista
windows su Stallman e quello che scrivo io ("senza offesa"! Tanto questa
frase salva sempre...).
Tranquillo, puoi togliere il "senza offesa" perchè è nel tuo legittimo
diritto. I miei messaggi hanno una licenza ancora più aperta dei tuoi,
li puoi leggere, copiare e (pensa) anche ignorare. ;-) Addirittura ti
autorizzo a ripubblicarli a nome tuo, pensa un po' :-)
O forse ti riferivi al programmatore/sistemista windows? Beh, darmi di
sistemista è un po' pesante, ma non mi offendo :-)
Mazinga
2005-04-28 19:41:33 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Post by Mazinga
Post by Vincent Vega
Non l'ho fatto volutamente, se ti interessa la spiegazione è che ho
seguito il riferimento che hai fatto degli articoli di Punto Informatico.
Quali riferimenti??? Io non ho lasciato nessun riferimento! Ho solo detto
che Punto-Informatico usa le licenze della Creative Commons; quella che ho
usato io non la voglio postare x la terza volta...
E che palle! Ti ho detto che ho capito male, ma lo sai che sei la
paranoia fatta persona? :-)
Mi sa che ci sono dei casini con gli orari; (le mie sono di Newsland
quindi vanno bene).
Post by Vincent Vega
Ma vah, finchè non mi ha apostrofato come "programmatore/sistemista
windows" con il tipico tono dello GNUrante non mi ero manco accorto che
era degli "altri" :-P
E che palle! Ti ho detto che ho capito male, ma lo sai che sei la
paranoia fatta persona? :-)
Non tolgo pero' il fatto che Newsland potrebbe aver fatto dei casini...
Post by Vincent Vega
Tranquillo, puoi togliere il "senza offesa" perchè è nel tuo legittimo
diritto. I miei messaggi hanno una licenza ancora più aperta dei tuoi,
li puoi leggere, copiare e (pensa) anche ignorare. ;-) Addirittura ti
autorizzo a ripubblicarli a nome tuo, pensa un po' :-)
O forse ti riferivi al programmatore/sistemista windows? Beh, darmi di
sistemista è un po' pesante, ma non mi offendo :-)
Oh, finalmente una risp. decente...

Tranquillo, i tuoi post non mi servono. :)
Il mio e' stato un modus-operadi un po' strano ma non cosi' insolito.
Se un giorno ci faro' un libro te lo spediro': potresti trovarlo molto
istruttivo... ;)


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
boydon
2005-04-28 17:20:21 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Ti ho già detto che trovo il tuo atteggiamento un pochino paranoico?
e sai che novità, secondo voi windows-ari gli altri sono sempre troppo
paranoici :-))
la gente cosa si preoccupa tanto a fare se anche il primo che passa può
trapanargli la macchina? seghe mentali, con questo modo di ragionare
non si va da nessuna parte, ecc... :-))))

(i permalosi tipo Endymion ecc... sono pregati di notare il quintale di
emoticons che ho seminato a sottolineare l'ironicità del post, ungi da
me affermare che windows non sia un buon OS ;-)

ciao
Vincent Vega
2005-04-28 17:40:34 UTC
Permalink
Post by boydon
Post by Vincent Vega
Ti ho già detto che trovo il tuo atteggiamento un pochino paranoico?
e sai che novità, secondo voi windows-ari gli altri sono sempre troppo
paranoici :-))
Ma vah, finchè non mi ha apostrofato come "programmatore/sistemista
windows" con il tipico tono dello GNUrante non mi ero manco accorto che
era degli "altri" :-P
boydon
2005-04-28 18:05:25 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Ma vah, finchè non mi ha apostrofato come "programmatore/sistemista
windows" con il tipico tono dello GNUrante non mi ero manco accorto
che era degli "altri" :-P
perchè non sei stato attento: gli indizi c'erano già
ti pare che un winlebano avrebbe messo qualcosa sotto una licenza
open source? :-))

ciao
Vincent Vega
2005-04-28 19:08:48 UTC
Permalink
Post by boydon
perchè non sei stato attento: gli indizi c'erano già
ti pare che un winlebano avrebbe messo qualcosa sotto una licenza
open source? :-))
In effetti dovevo sospettarlo. Solo uno GNUrante poteva applicare una
licenza alle proprie chiacchere :-)
Daniele Orlandi
2005-04-28 16:38:05 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Scrivere la lista della spesa e scrivere una poesia sono anch'esse
traduzioni in lettere del proprio pensiero. Possibile che non trovi
risposta alla tua domanda?
La mia domanda diventa, possibile che non vuoi capire? :)
Post by Vincent Vega
Certo, ma allora devi aver scritto qualcosa che non è solo interessante,
ma che vale anche la pena di copiare. E' diverso.
E' chiaro che la zona grigia di quello che sta tra l'essere o non essere
opera di ingegno è ampia... però è probabile che un lungo post non ricarda
in essa.
Post by Vincent Vega
Non ho mai detto che non lo possa fare, per carità, per me può anche
applicare la licenza anche sulle lettere alla fidanzata. Dico che è
perverso farsi venire in mente una cosa del genere.
E' una tua opinione che, come avrai capito, non condivido.
--
Daniele Orlandi
Mazinga
2005-04-28 14:32:12 UTC
Permalink
Inoltre: la "licenza" a cui fa riferimento non è esattamente "fornire
dei diritti a chiunque ne possa voler usufruire" (cfr
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/) anzi pone dei precisi
divieti sull'utilizzo commerciale e gli eventuali lavori derivati.
Ne 6 proprio sicuro???

A me sembrava di aver letto questo nella BY di CC:

---
Tu sei libero:

* di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in
pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l'opera
* di creare opere derivate
* di usare l'opera a fini commerciali
---

L'unica restrizione che c'e' e che tu non puoi fare copia/incolla, buttare
via Mazinga e metterci al suo posto il tuo nome. stop.

Xche' ti fai tanti problemi a tal proposito mi chiedo... ???


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Vincent Vega
2005-04-28 14:52:12 UTC
Permalink
Post by Mazinga
Xche' ti fai tanti problemi a tal proposito mi chiedo... ???
Veramente questa era la mia domanda iniziale. Ho continuato nel thread a
titolo di discussione e non mi sono posto il problema di che licenza
apporre a questi post... devo farlo? :)
test
2005-04-28 14:47:50 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Il fatto, vedi, è che qualunque opera dell'ingegno è coperta da copyright e
se non dici nulla, semplicemente non la puoi copiare.
Se hai fatto un post molto lungo e che pensi abbia un valore, puoi a priori
fornire dei diritti a chiunque ne possa voler usufruire, non ci vedo nulla
di strano.
Capisco se si tratta di corripondeza privata ma questo e' un "luogo
pubblico", mi sembra implicito che qualunque cosa letta o scritta in
questo luogo possa essere usata a proprio piacimento.

Alessandro.
Vincent Vega
2005-04-28 15:17:24 UTC
Permalink
Post by test
Capisco se si tratta di corripondeza privata ma questo e' un "luogo
pubblico", mi sembra implicito che qualunque cosa letta o scritta in
questo luogo possa essere usata a proprio piacimento.
Io sinceramente non vedo quale altro uso si possa fare di questi post se
non leggerli quì.
test
2005-04-28 15:20:45 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Post by test
Capisco se si tratta di corripondeza privata ma questo e' un "luogo
pubblico", mi sembra implicito che qualunque cosa letta o scritta in
questo luogo possa essere usata a proprio piacimento.
Io sinceramente non vedo quale altro uso si possa fare di questi post se
non leggerli quì.
Hai presente google?

Alessandro.
Vincent Vega
2005-04-28 15:30:52 UTC
Permalink
Post by test
Post by Vincent Vega
Io sinceramente non vedo quale altro uso si possa fare di questi post
se non leggerli quì.
Hai presente google?
Va beh, quì o google. Quando l'hai trovato che fai? Lo leggi, poi? Mi
sfuggono gli altri possibili usi.
test
2005-04-28 15:43:03 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Va beh, quì o google. Quando l'hai trovato che fai? Lo leggi, poi? Mi
sfuggono gli altri possibili usi.
Per esempio google lo "vende" (lo usera' per attirare la gente che oltre
al post leggera' anche le inserzioni pubblicitarie dei suoi sponsor).
Dubito che questo abbia a che fare con le preoccupazioni per Mazinga ma
spero sua una risposta valida alla tua domanda.

Alessandro.
test
2005-04-28 15:47:00 UTC
Permalink
Post by test
Dubito che questo abbia a che fare con le preoccupazioni per Mazinga
Errata corrige:
Dubito che questo abbia a che fare con le preoccupazioni *di* Mazinga

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 16:44:52 UTC
Permalink
Post by test
Per esempio google lo "vende" (lo usera' per attirare la gente che oltre
Diciamo che dal punto di vista puramente legale, ci sarebbe da discutere su
Google ma anche su tutta Usenet perché ci sono di mezzo licenze
"implicite"; è anche vero che esiste l' X-No-Archive.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 18:01:53 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Diciamo che dal punto di vista puramente legale, ci sarebbe da
discutere su Google ma anche su tutta Usenet perché ci sono di mezzo
licenze "implicite"; è anche vero che esiste l' X-No-Archive.
X-No-Archive non e' neanche uno standard ma solo una convenzione, nessuno e'
tenuto a rispettarlo se non per libera scelta.

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 18:41:02 UTC
Permalink
Post by test
X-No-Archive non e' neanche uno standard ma solo una convenzione
Non importa, si tratta di una esplicita espressione della volontà
dell'autore. IMO se qualcuno archiviasse un articolo con tale header
potrebbe essere querelabile/citabile.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 19:46:20 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by test
X-No-Archive non e' neanche uno standard ma solo una convenzione
Non importa, si tratta di una esplicita espressione della volontà
dell'autore. IMO se qualcuno archiviasse un articolo con tale header
potrebbe essere querelabile/citabile.
E quando non c'e'?
E se non fossi a conoscenza della esistenza di quell'header, che visto che
il mio newsreader non lo riconosce e non me lo evidenzia?

Alessandro.
Vincent Vega
2005-04-28 20:27:56 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Non importa, si tratta di una esplicita espressione della volontà
dell'autore. IMO se qualcuno archiviasse un articolo con tale header
potrebbe essere querelabile/citabile.
Ma dai... quale altro server considera l'X-No-Archive a parte google groups?
E i client?
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:30:56 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Ma dai... quale altro server considera l'X-No-Archive a parte google
groups? E i client?
Server? Client?
Di che server stai parlando? Di che client stai parlando?

Spero tu non stia intendendo server e client NNTP perché stai confrontando
mele con arance.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
Daniele Orlandi
2005-04-28 16:42:16 UTC
Permalink
Post by test
Capisco se si tratta di corripondeza privata ma questo e' un "luogo
pubblico", mi sembra implicito che qualunque cosa letta o scritta in
questo luogo possa essere usata a proprio piacimento.
Questo non è un luogo pubblico. AFAIK (IANAL) non esiste nessuna legge che
lo definisca tale. Semmai può essere assimilato ad un "luogo accessibile al
pubblico".

Anche fosse un luogo pubblico, cmq, non credo proprio che tu possa usare a
tuo piacimento quello che gli altri scrivono.

Cosa pensi che succederebbe se tu entrassi in una biblioteca, fotocopiassi
un paio di libri e poi rivendessi le fotocopie a tuo nome?
--
Daniele Orlandi
Ottovolante
2005-04-28 17:14:33 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Cosa pensi che succederebbe se tu entrassi in una biblioteca, fotocopiassi
un paio di libri e poi rivendessi le fotocopie a tuo nome?
A me piacerebbe che fosse come dici tu, ma ho forti dubbi: i libri sono
protetti dalla SIAE, la gente comune invece no.
Daniele Orlandi
2005-04-28 17:18:23 UTC
Permalink
Post by Ottovolante
A me piacerebbe che fosse come dici tu, ma ho forti dubbi: i libri sono
protetti dalla SIAE, la gente comune invece no.
La SIAE non protegge, succhia... ma a prescindere... la legge sul diritto di
autore non necessita la SIAE...
--
Daniele Orlandi
Ottovolante
2005-04-28 17:30:06 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by Ottovolante
A me piacerebbe che fosse come dici tu, ma ho forti dubbi: i libri sono
protetti dalla SIAE, la gente comune invece no.
La SIAE non protegge, succhia... ma a prescindere...
Certo, ma infatti io mica sono un "fan" della SIAE, ma ti pare? :)
Post by Daniele Orlandi
la legge sul diritto di autore non necessita la SIAE...
Ok, ma visto che tu facevi il paragone tra copiare un messaggio da
usenet e fotocopiare un libro in biblioteca, io ti ho risposto: la
questione e' molto diversa, perche' i libri sono tutelati dalla SIAE,
quindi non c'e' bisogno che l'autore ti denunci, ma basta che ti beccano
e ti fanno un c**o cosi'. E soprattutto, nel caso del messaggio preso da
usenet non penso proprio che sia un reato penale, mentre invece, come
ben saprai, purtroppo molte opere sotto tutela SIAE sono protette dal
codice penale. E' vergognoso ma e' cosi'.
Ottovolante
2005-04-28 17:31:55 UTC
Permalink
Post by Ottovolante
purtroppo molte opere sotto tutela SIAE sono protette dal
codice penale. E' vergognoso ma e' cosi'.
con "molte" intendevo dire che quelle audiovisive lo sono di sicuro,
mentre invece su quelle cartacee non ne sono sicuro, ma credo di si'...
Daniele Orlandi
2005-04-28 17:48:09 UTC
Permalink
Post by Ottovolante
Ok, ma visto che tu facevi il paragone tra copiare un messaggio da
usenet e fotocopiare un libro in biblioteca, io ti ho risposto: la
questione e' molto diversa, perche' i libri sono tutelati dalla SIAE,
quindi non c'e' bisogno che l'autore ti denunci, ma basta che ti beccano
e ti fanno un c**o cosi'.
Ti querela la SIAE invece del privato... ma cosa cambia in sostanza?
Post by Ottovolante
E soprattutto, nel caso del messaggio preso da
usenet non penso proprio che sia un reato penale
Perché non dovrebbe esserlo?
Post by Ottovolante
mentre invece, come
ben saprai, purtroppo molte opere sotto tutela SIAE sono protette dal
codice penale. E' vergognoso ma e' cosi'.
Uh? Cosa c'è di vergognoso?
--
Daniele Orlandi
Vincent Vega
2005-04-28 19:13:33 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by Ottovolante
Ok, ma visto che tu facevi il paragone tra copiare un messaggio da
usenet e fotocopiare un libro in biblioteca, io ti ho risposto: la
questione e' molto diversa, perche' i libri sono tutelati dalla SIAE,
quindi non c'e' bisogno che l'autore ti denunci, ma basta che ti beccano
e ti fanno un c**o cosi'.
Ti querela la SIAE invece del privato... ma cosa cambia in sostanza?
Cambia che sei perseguibile d'ufficio per un reato penale. Non c'è
nessuna querela della SIAE, qualsiasi autorità può (anzi, deve) intervenire.
Daniele Orlandi
2005-04-28 19:47:45 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Cambia che sei perseguibile d'ufficio per un reato penale. Non c'è
nessuna querela della SIAE, qualsiasi autorità può (anzi, deve) intervenire.
Mi puoi citare gli articoli di legge?
--
Daniele Orlandi
Vincent Vega
2005-04-28 20:06:19 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by Vincent Vega
Cambia che sei perseguibile d'ufficio per un reato penale. Non c'è
nessuna querela della SIAE, qualsiasi autorità può (anzi, deve) intervenire.
Mi puoi citare gli articoli di legge?
No, mi spiace, non te li posso citare. Vuoi dire che siccome non c'ho
sottomano gli articoli dobbiamo concludere che se fotocopi il K&R sei
perseguibile solo se passano di lì per caso Brian Kernighan e Dennis
Ritchie in persona?
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:15:26 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
No, mi spiace, non te li posso citare. Vuoi dire che siccome non c'ho
sottomano gli articoli dobbiamo concludere che se fotocopi il K&R sei
perseguibile solo se passano di lì per caso Brian Kernighan e Dennis
Ritchie in persona?
Come si chiama questa? Ah uhm... faziosità :)

Visto che sai che la risposta non è quella e sai che è un'altra... mi sembra
poco utile che te la fornisca.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
Vincent Vega
2005-04-28 20:25:17 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by Vincent Vega
No, mi spiace, non te li posso citare. Vuoi dire che siccome non c'ho
sottomano gli articoli dobbiamo concludere che se fotocopi il K&R sei
perseguibile solo se passano di lì per caso Brian Kernighan e Dennis
Ritchie in persona?
Come si chiama questa? Ah uhm... faziosità :)
In che senso faziosità?
Post by Daniele Orlandi
Visto che sai che la risposta non è quella e sai che è un'altra... mi sembra
poco utile che te la fornisca.
Garda che neanche con una supercazzola ti togli dall'empasse, se è per
questo <g>
Rileggi la risposta che tu consideri faziosa (?) e vedrai che è più
pertinente di quanto stai tentando di nascondere divagando.
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:40:29 UTC
Permalink
Post by Vincent Vega
Post by Daniele Orlandi
Post by Vincent Vega
No, mi spiace, non te li posso citare. Vuoi dire che siccome non c'ho
sottomano gli articoli dobbiamo concludere che se fotocopi il K&R sei
perseguibile solo se passano di lì per caso Brian Kernighan e Dennis
Ritchie in persona?
Come si chiama questa? Ah uhm... faziosità :)
In che senso faziosità?
Nel senso che sai benissimo che il fatto che sia un reato non perseguibile
d'ufficio non implica che sia necessario l'intervento fisico dell'autore
per querelarti.
Post by Vincent Vega
Garda che neanche con una supercazzola ti togli dall'empasse, se è per
questo <g>
Uhm... devo aspettarmi anche un gnee gnee specchioriflessotimandoalcesso?
--
Daniele Orlandi
Ottovolante
2005-04-28 20:45:08 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by Vincent Vega
No, mi spiace, non te li posso citare. Vuoi dire che siccome non c'ho
sottomano gli articoli dobbiamo concludere che se fotocopi il K&R sei
perseguibile solo se passano di lì per caso Brian Kernighan e Dennis
Ritchie in persona?
Come si chiama questa? Ah uhm... faziosità :)
Faziosita? Ha ragione lui e basta....
Non e' che uno per dimostrare che ha ragione deve mettersi a fare
l'avvocato...

Se fotocopi il K&R o masterizzi un CD, anche se non a scopo di lucro,
sei perseguibile penalmente d'ufficio.
Questa legge (nata dal decreto urbani), da un giorno all'altro, ha reso
criminali milioni di persone perbene (secondo me piu' del 50% della
popolazione italiana, *MINIMO*).
Ecco perche' secondo me e' vergognoso...

Invece se usi un messaggio di usenet senza permesso, il proprietario ti
deve denunciare, e penso che molto difficilmente il gip accoglierebbe la
richiesta di rinvio a giudizio, ammesso che il pm la faccia...

Anche perche' considera che ogni volta che rispondi a un messaggio quoti
quello a cui stai rispondendo, e ogni volta che quoti, secondo la tua
teoria, infrangi il copyright. Risultato: su usenet sono tutti delinquenti.

A me sembra una roba un po' campata per aria.
Fai tu.
Daniele Orlandi
2005-04-28 21:07:13 UTC
Permalink
Post by Ottovolante
Post by Daniele Orlandi
Come si chiama questa? Ah uhm... faziosità :)
Faziosita? Ha ragione lui e basta....
Non e' che uno per dimostrare che ha ragione deve mettersi a fare
l'avvocato...
Uno, per dimostrare che ha ragione, fà ragionamenti logici, il suo
interlocutore può confutare con ragionamenti logici. Se uno dei due si
scorda la logica allora diventa fazioso...
Post by Ottovolante
Se fotocopi il K&R o masterizzi un CD, anche se non a scopo di lucro,
sei perseguibile penalmente d'ufficio.
Non so, ripeto, IANAL. So che qualche tempo fà c'è stata una proposta di
legge per rendere il reato perseguibile d'ufficio invece che dietro querela
ma non so se sia passata o meno.

*a prescindere* da ciò:

1- Se è perseguibile dietro querela, non è necessario che K&R vengano
fisicamente a querelarmi.

2- Non credo che vi sia un distinguo, dal punto di vista della
perseguibilità, tra le opere tutelate dalla SIAE e quelle non tutelate.

Se è perseguibile d'ufficio la copia illegittima di un libro lo è anche
quella illegittima di un post su Usenet o, viceversa, in caso di
perseguibilità dietro querela.
Post by Ottovolante
Questa legge (nata dal decreto urbani), da un giorno all'altro, ha reso
criminali milioni di persone perbene (secondo me piu' del 50% della
popolazione italiana, *MINIMO*).
Ecco perche' secondo me e' vergognoso...
Il decreto Urbani è un abominio dal punto di vista del *come*, non dei
princìpi, peccato che molta gente, invece, lo contesti perché vorrebbe
continuare a copiare a sbafo. Io mi vergogno di vedere tanta gente attorno
a me che ruba e non se ne vergogna.
Post by Ottovolante
Invece se usi un messaggio di usenet senza permesso, il proprietario ti
deve denunciare, e penso che molto difficilmente il gip accoglierebbe la
richiesta di rinvio a giudizio, ammesso che il pm la faccia...
Dipende dall'entità del danno, a priori mi auguro che nessuno metta in piedi
un procedimento penale per un post copiato su Usenet... magari davanti ad
un giudice di pace, qualcosa cambierebbe, ciò non toglie che, se non è
giusto, non lo devi fare.
Post by Ottovolante
Anche perche' considera che ogni volta che rispondi a un messaggio quoti
quello a cui stai rispondendo, e ogni volta che quoti, secondo la tua
teoria, infrangi il copyright. Risultato: su usenet sono tutti
delinquenti.
No, le norme sul diritto d'autore permettono la citazione, il famoso "fair
use" del copyright americano su cui tanto si discute.
Post by Ottovolante
A me sembra una roba un po' campata per aria.
Fai tu.
Ti sembra male perché ti basi su ipotesi sbagliate.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
Ottovolante
2005-04-28 22:19:12 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
2- Non credo che vi sia un distinguo, dal punto di vista della
perseguibilità, tra le opere tutelate dalla SIAE e quelle non tutelate.
credi malissimo.
Se fotocopio il quaderno degli appunti di un mio compagno universitario,
puo' farmi causa per violazione del copyright *se vuole*, ma la finanza
non mi puo' arrestare, perche' non e' un'opera tutelata dalla siae... e
ci mancherebbe altro.
Post by Daniele Orlandi
Se è perseguibile d'ufficio la copia illegittima di un libro lo è anche
quella illegittima di un post su Usenet o, viceversa, in caso di
perseguibilità dietro querela.
Infatti mi sa proprio che non e' perseguibile penalmente, puoi solo fare
causa a chi ha violato il copyright. Trattasi di diritto civile, non di
diritto penale.
Post by Daniele Orlandi
Post by Ottovolante
Questa legge (nata dal decreto urbani), da un giorno all'altro, ha reso
criminali milioni di persone perbene (secondo me piu' del 50% della
popolazione italiana, *MINIMO*).
Ecco perche' secondo me e' vergognoso...
Il decreto Urbani è un abominio dal punto di vista del *come*, non dei
princìpi, peccato che molta gente, invece, lo contesti perché vorrebbe
continuare a copiare a sbafo. Io mi vergogno di vedere tanta gente attorno
a me che ruba e non se ne vergogna.
Qui siamo al nocciolo della questione. Violare un copyright non vuol
dire rubare, a meno che cambi la definizione della parola "rubare" con
una di tua invenzione. Il famoso furto delle parole, spesso praticato
dai regimi totalitari, come i comunisti, che quando sono al potere
chiamano "rivoluzione" il regime e chiamano "controrivoluzionari" chi
vuole abbattere il regime.
Post by Daniele Orlandi
Post by Ottovolante
Invece se usi un messaggio di usenet senza permesso, il proprietario ti
deve denunciare, e penso che molto difficilmente il gip accoglierebbe la
richiesta di rinvio a giudizio, ammesso che il pm la faccia...
Dipende dall'entità del danno, a priori mi auguro che nessuno metta in piedi
un procedimento penale per un post copiato su Usenet... magari davanti ad
un giudice di pace, qualcosa cambierebbe, ciò non toglie che, se non è
giusto, non lo devi fare.
Non c'e' da augurarsi un bel niente, i magistrati sono costretti a
perseguire tutti i reati (per grazia di Dio, aggiungo io). Quindi se la
legge dice che un fatto va perseguito, lo perseguono, altrimenti se non
ci sono gli estremi archiviano l'indagine.
Post by Daniele Orlandi
Post by Ottovolante
Anche perche' considera che ogni volta che rispondi a un messaggio quoti
quello a cui stai rispondendo, e ogni volta che quoti, secondo la tua
teoria, infrangi il copyright. Risultato: su usenet sono tutti
delinquenti.
No, le norme sul diritto d'autore permettono la citazione, il famoso "fair
use" del copyright americano su cui tanto si discute.
qui non siamo in america.
Daniele Orlandi
2005-04-28 22:30:24 UTC
Permalink
Post by Ottovolante
credi malissimo.
Se fotocopio il quaderno degli appunti di un mio compagno universitario,
puo' farmi causa per violazione del copyright *se vuole*, ma la finanza
non mi puo' arrestare, perche' non e' un'opera tutelata dalla siae... e
ci mancherebbe altro.
Okay... ma se me lo ripeti non cambia... dammi qualche riferimento alla
legge. Che tu ne sia convinto è una certezza ma non so se è davvero così.
Post by Ottovolante
Infatti mi sa proprio che non e' perseguibile penalmente, puoi solo fare
causa a chi ha violato il copyright. Trattasi di diritto civile, non di
diritto penale.
Ecco... ma nella legge sul diritto d'autore, dove si distingue tra un libro
e un quaderno?
Post by Ottovolante
Qui siamo al nocciolo della questione. Violare un copyright non vuol
dire rubare, a meno che cambi la definizione della parola "rubare" con
Ho usato le virgolette apposta, è una cosa che talvolta si fà. Non è un
furto, probabilmente non è altrettanto grave, ma è non è un fatto veniale.
Post by Ottovolante
Non c'e' da augurarsi un bel niente, i magistrati sono costretti a
perseguire tutti i reati (per grazia di Dio, aggiungo io).
Dimentichi la mia posizione, se il reato è perseguibile dietro querela, c'è
qualcuno che mette in piedi il procedimento, ovvero colui che presenta
querela ed è ammissibile augurarsi che non lo faccia.
Post by Ottovolante
Post by Daniele Orlandi
No, le norme sul diritto d'autore permettono la citazione, il famoso
"fair use" del copyright americano su cui tanto si discute.
qui non siamo in america.
No, ma le linee guida del diritto d'autore derivano dal diritto
internazionale (convenzione di Berna) [1] e quindi il "fair use" americano
è molto simile al nostro, solo che loro sanno sintetizzare con due parole.

Ciao,

[1] Pare che non ci sia un avvocato nel gruppo, se ci fosse avrebbe
sicuramente contestato qualcosa :)
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 17:57:13 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Cosa pensi che succederebbe se tu entrassi in una biblioteca,
fotocopiassi un paio di libri e poi rivendessi le fotocopie a tuo
nome?
Il fatto che su tutti i libri sia presente *esplicitamente* la nota sul
copyright non non ti fa pensare che il default sia il contrario?

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 18:48:04 UTC
Permalink
Post by test
Il fatto che su tutti i libri sia presente *esplicitamente* la nota sul
copyright non non ti fa pensare che il default sia il contrario?
Non me lo fà pensare perché è molto semplice trovare articoli e documenti
che parlano di come funziona la legge sul diritto d'autore.

Da Wikipedia:

Il diritto nasce al momento della creazione dell'opera, che il nostro codice
civile identifica, un po' cripticamente, in una particolare espressione del
lavoro intellettuale.

Contrariamente a quanto spesso argomentato, non sempre disinteressatamente,
il diritto sussiste sin dalla creazione, e non vi è obbligo di deposito (ad
esempio, presso la SIAE), di registrazione o di pubblicazione dell'opera.
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 20:10:49 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Il diritto nasce al momento della creazione dell'opera, che il nostro
codice civile identifica, un po' cripticamente, in una particolare
espressione del lavoro intellettuale.
Tralasciamo la spinosa questione su cosa si intende per "particolare
espressione di lavoro intellettuale", ma assodato che ci siano opere che
sono protette dal diritto d'autore, bisogna vedere anche come l'autore ne
dispone: per esempio, spero che converrai che se l'autore pubblica la sua
opera su internet si presuppone che, salvo esplicita indicazione contraria,
sia a disposizine di chiunque voglia usufruirne anche se non c'e' scritto
esplicitamente (altrimenti temo di aver violato molti diritti d'autore in
vita mia).

Alessandro.
test
2005-04-28 20:20:40 UTC
Permalink
Post by test
Post by Daniele Orlandi
Il diritto nasce al momento della creazione dell'opera, che il nostro
codice civile identifica, un po' cripticamente, in una particolare
espressione del lavoro intellettuale.
Tralasciamo la spinosa questione su cosa si intende per "particolare
espressione di lavoro intellettuale" [...]
Nella stessa pagina della wikipedia da te citata vedi anche piu' avanti il
paragrafo "Cosa è possibile utilizzare liberamente?"

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:28:42 UTC
Permalink
test
2005-04-28 20:40:57 UTC
Permalink
A parte la contraddizione tra "liberamente" e "sotto determinate
condizioni", noterai che le "determinate condizioni" sono molto
stringenti. La licenza di cui si parla in questo thread aggiunge
MOLTI più diritti, ad esempio quello di creare opere derivate.
A me sembra che le condizioni siano molto simili a quelle della licenza e
non ho visto il vincoli riguardanti "le opere derivate" (vedi per esempio il
riferimento a riassunto, citazione etc.).

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:49:32 UTC
Permalink
Post by test
A me sembra che le condizioni siano molto simili a quelle della licenza e
non ho visto il vincoli riguardanti "le opere derivate" (vedi per esempio
il riferimento a riassunto, citazione etc.).
No, citazioni e riassunti (i riassunti non sono neanche propriamente opere
derivate) sono solo una piccola parte delle possibilità.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 21:04:16 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
No, citazioni e riassunti (i riassunti non sono neanche propriamente
opere derivate) sono solo una piccola parte delle possibilità.
Esempio?

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 21:09:05 UTC
Permalink
Post by test
Esempio?
Ad esempio, prendere un articolo, modificarlo e metterlo in un libro che
vendo.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 22:05:51 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by test
Esempio?
Ad esempio, prendere un articolo, modificarlo e metterlo in un libro
che vendo.
A me sembra si ricada nei casi gia' trattati sopra.

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 22:10:43 UTC
Permalink
Post by test
Post by Daniele Orlandi
Ad esempio, prendere un articolo, modificarlo e metterlo in un libro
che vendo.
A me sembra si ricada nei casi gia' trattati sopra.
Cioè? Sarebbe una citazione o un riassunto?
--
Daniele Orlandi
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:22:27 UTC
Permalink
Post by test
Tralasciamo la spinosa questione su cosa si intende per "particolare
espressione di lavoro intellettuale", ma assodato che ci siano opere che
sono protette dal diritto d'autore, bisogna vedere anche come l'autore ne
dispone: per esempio, spero che converrai che se l'autore pubblica la sua
opera su internet si presuppone che, salvo esplicita indicazione
contraria, sia a disposizine di chiunque voglia usufruirne
No, non ne convengo. Credo proprio che da nessuna parte ci sia una regola
che stabilisca che la "pubblicazione su internet" possa equivalere
all'autorizzazione a copiare, creare opere derivare e quant'altro.

Pensa al web; il fatto che io pubblichi un sito, il quale non prevede
registrazione, né coinvolge la SIAE, non implica che tu possa prendere i
contenuti di tale sito e farne ciò che vuoi.
Post by test
anche se non
c'e' scritto esplicitamente (altrimenti temo di aver violato molti diritti
d'autore in vita mia).
E' possibile, cosa hai fatto, per esempio?

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 20:32:43 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by test
anche se non
c'e' scritto esplicitamente (altrimenti temo di aver violato molti
diritti d'autore in vita mia).
E' possibile, cosa hai fatto, per esempio?
Ho quotato il tuo post, per esempio :-)

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 20:44:44 UTC
Permalink
Post by test
Post by Daniele Orlandi
E' possibile, cosa hai fatto, per esempio?
Ho quotato il tuo post, per esempio :-)
La citazione è uno dei (pochi) usi legittimi che la normativa prevede, con
particolari restrizioni su come viene effettuata. Le licenze CC
garantiscono diritti ben più ampi.

Cosa diresti se, per esempio, prendessi i tuoi articoli, li spacciassi come
miei e ne facessi un'opera che poi vendessi?
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 20:59:26 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Cosa diresti se, per esempio, prendessi i tuoi articoli, li
spacciassi come miei e ne facessi un'opera che poi vendessi?
Ne sarei onorato :-P
Scherzi a parte, non vedi che la tutela di articoli e libri e' diversa? Per
i primi basta citare l'autore, per i secondi no.

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 21:12:54 UTC
Permalink
Post by test
Post by Daniele Orlandi
Cosa diresti se, per esempio, prendessi i tuoi articoli, li
spacciassi come miei e ne facessi un'opera che poi vendessi?
Ne sarei onorato :-P
Bene, allora sappi che se volessi farlo, dovrei chiederti una licenza. Se tu
invece prendessi i miei e facessi altrettanto, mi girerebbero gli zebedei.
Post by test
Scherzi a parte, non vedi che la tutela di articoli e libri e' diversa?
Per i primi basta citare l'autore, per i secondi no.
E' diversa? Io leggo:

Articolo: "nome dell’autore (se l’articolo è firmato)".
Libro: "autore"

Occhio, però... con "Articolo" si intendono gli articoli pubblicati su
riviste e giornali per i quali vige un particolare regime legislativo.

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 21:39:25 UTC
Permalink
Post by test
Scherzi a parte, non vedi che la tutela di articoli e libri e'
diversa? Per i primi basta citare l'autore, per i secondi no.
Articolo: "nome dell'autore (se l'articolo è firmato)".
Libro: "autore"
Dove lo leggi? Non l'ho tovato.
Quindi se fotocopio intergralmente un libro sono a posto?

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 21:48:53 UTC
Permalink
Post by test
Dove lo leggi? Non l'ho tovato.
Su wikipedia, sotto "diritto d'autore"
Post by test
Quindi se fotocopio intergralmente un libro sono a posto?
No, è riferito a:

"il riassunto, la citazione, la riproduzione di brani o parti di opera per
scopi di critica, discussione o insegnamento purché non costituiscano
concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera e vengano menzionati"

Ciao,
--
Daniele Orlandi
test
2005-04-28 22:01:00 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
"il riassunto, la citazione, la riproduzione di brani o parti di
opera per scopi di critica, discussione o insegnamento purché non
costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera e
vengano menzionati"
Invece gli articoli possono essere riportati integralmente (salvo
indicazione contraria).

Alessandro.
Daniele Orlandi
2005-04-28 22:11:52 UTC
Permalink
Post by test
Invece gli articoli possono essere riportati integralmente (salvo
indicazione contraria).
Occhio, però... con "Articolo" si intendono gli articoli pubblicati su
riviste e giornali per i quali vige un particolare regime legislativo."
--
Daniele Orlandi
Mazinga
2005-04-28 20:40:59 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by test
Tralasciamo la spinosa questione su cosa si intende per "particolare
espressione di lavoro intellettuale", ma assodato che ci siano opere che
sono protette dal diritto d'autore, bisogna vedere anche come l'autore ne
dispone: per esempio, spero che converrai che se l'autore pubblica la sua
opera su internet si presuppone che, salvo esplicita indicazione
contraria, sia a disposizine di chiunque voglia usufruirne
No, non ne convengo. Credo proprio che da nessuna parte ci sia una regola
che stabilisca che la "pubblicazione su internet" possa equivalere
all'autorizzazione a copiare, creare opere derivare e quant'altro.
Io sapevo (ma tengo a precisare che non sono avvocato e tiro 1 po' a
indovinare...) che non esisteva una giurisprudenza specifica x tutti i
casi ma solo il concetto generico di diritto d'autore (copyright):

http://www.infoius.it/codici/cod_civile/libro_V/2563-2642.asp#Rif_420559826

Nell'art. 2582 del Codice Civile c'e' scritto che:


---
Art. 2582 Ritiro dell`opera dal commercio

L`autore, qualora concorrano gravi ragioni morali, ha diritto di ritirare
l`opera dal commercio, salvo l`obbligo di indennizzare coloro che hanno
acquistato i diritti di riprodurre, diffondere, eseguire, rappresentare o
mettere in commercio l`opera medesima.

Questo diritto è personale e intrasmissibile.
---

Un giornalista si pone sempre questo problema...

Io, IMHO, credo che in caso di disputa 1 giudice faccia questo
ragionamento:
- Chi ci ha perso d+ ?
- Chi ha fatto l'indiano e se n'e' approfittato?
- Quello che fa tanto la vittima ci cova?

Non saro' 1 giudice ma se lo fossi direi che ha senso "copiare" tutti i
post in blocco x metterli a disposizione sempre x il medesimo fine (ossia
il prelevamento con un client nntp o 1 pagina web) ma non prelevare quello
che uno vuole senza neanche informare gli autori (che magari potrebbero
anche non essere contenti di vedere pubblicate certe cose scritte da loro).

D'altro canto io quando ho messo sotto licenza quel post (o "articolo", o
roba che sia...) non l'avevo usato con il fine di limitarne la diffusione,
ma anzi di garantirlo anche quando un giorno la mia casella e-mail non la
usero' + e quindi un eventuale interessato (che esista o meno) non mi
troverebbe.


--------------

Un saluto da Mazinga.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Continua a leggere su narkive:
Loading...